MARRADI – Avete presente quelle botteghe di paese, che al primo passo oltre la porta sprigionano quel profumo di tradizione e genuinità? Se pensate che ormai non esistano più dovete ricredervi. E vi basterà andare a Marradi per trovarne una.

Si tratta di una bottega con una lunga storia, oltre cento anni, prima gestita dalla famiglia Mercatali, che l’ha tenuta per sessant’anni per poi passarla alla famiglia Tronconi ed infine, nel 2001 ad Andrea Tondini e Sara Alpi.

“La bottega di Marradi”, oltre a tanti prodotti genuini e di qualità ha la particolarità di avere prodotti sia toscani che romagnoli, in un mix davvero imperdibile.

Ma sono moltissimi i prodotti mugellani che offre ai propri clienti: una linea a base di marroni, dalla farina al liquore, confetture dell’azienda agricola Vaiursole di Marradi, le salse tartufate sempre prodotte a Marradi e formaggi bovini, ovini e caprini dell’Azienda agricola Pagliana di Firenzuola.

 

“I nostri clienti – racconta Andrea – sono per lo più marradesi che vengono a fare la spesa. Poi, essendo sul confine abbiamo anche una grossa fetta di romagnoli e, ovviamente turisti. Il nostro successo è dovuto alla qualità dei nostri prodotti, che è veramente alta, ed all’ambiente familiare che trovano nel nostro negozio”.

Un altro punto di forza è che la bottega produce anche pasta fresca, fatta in casa secondo la tradizione offrendo ai propri clienti pasta lorda, cappelletti, tortelli mugellani, ravioli ricotta e spinaci, passatelli e cappellacci al mascarpone ma anche tortelli al marron buono di Marradi e tagliatelle con farina di marroni.

 

La “Bottega di Marradi” è parte del progetto “Mugello Tradizione e Qualità in Cucina” e di Vetrina Toscana”, realizzato da Confesercenti Firenze e dalla Camera di Commercio di Firenze con il contributo della Regione Toscana, Toscana Promozione, Fondazione Sistema Toscana ed Unioncamere.

Irene De Vito
© Il Filo – Idee e Notizie dal Mugello – 20 Settembre 2022

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *