VICCHIO – Un doppio evento si è tenuto nell’azienda agricola “La Matteraia” di Vicchio. Il primo, la cena in notturna tra i filari delle viti, all’interno del grande vigneto della famiglia Malpaga. E secondo, la presentazione di un vino nuovo di zecca, che Ivan Malpaga, titolare dell’azienda, ha voluto intitolare al nonno Isacco, fondatore in Trentino dell’azienda che poi il figlio Ivo ha trasferito in Toscana, portando in un bellissimo lembo di Mugello, oltre Rostolena, la passione e la sapienza vitivinicola della propria terra, passione e impresa poi continuata dal figlio di Ivo, Ivan Malpaga.

A destra Ivo Malpaga, fondatore dell’Azienda “La Matteraia” di Vicchio

Ivan Malpaga stappa le prime bottiglie del suo nuovo vino, “Isacco”

Entrambi gli esperimenti sono riusciti benissimo. La cena in mezzo al vigneto, assai suggestiva, ha unito il fascino unico della location con piatti semplici ma ottimamente realizzati e presentati. Si è trattato probabilmente della prima esperienza del genere in aziende mugellane, e a Malpaga converrà sicuramente fare un bis, anzi, consolidare questa proposta in un calendario predefinito. Perché è davvero esperienza piacevolissima.

All’iniziativa era presente anche il sindaco di Vicchio, Filippo Carlà Campa

Altrettanto apprezzato è stato il nuovo prodotto, il nuovo vino, protagonista della serata.

“Isacco” è piaciuto a tutti, anche ai sommelier presenti, originale blend tra due vitigni, Merlot e Teroldego, impiantati in terra mugellana. Un vino che arricchisce ulteriormente la speciale cantina della “Matteraia”, e il paniere dei prodotti di alta qualità del Mugello.

P.G.
© Il Filo – Idee e Notizie dal Mugello – 24 giugno 2019

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *