PALAZZUOLO SUL SENIO – Palazzuolo ha una rinomata tradizione gastronomica. E dal 1994 ne fa parte a pieno titolo “La Bottega dei Portici” di Francesco Piromallo. Una vecchia bottega, che Piromallo rilevò, trasformandola in ristorante.

Ed è stato subito un successo. “Non è stato difficile -racconta il titolare- perché abbiamo puntato su cose nuove, sulle tipicità, sull’alta qualità. Quando aprii io c’erano più di dieci ristoranti, e c’era molto scetticismo tra la “concorrenza” su di noi. Ora siamo rimasti in pochi. Perché reggi solo se ci metti la qualità, altrimenti duri tre mesi…”.

Uno dei cavalli di battaglia della “Bottega” di Piromallo – che ha aderito al progetto “Mugello, tradizione e qualità in cucina” di “Vetrina Toscana (scheda qui)- è stato senz’altro il vino – al quale per molti anni Piromallo ha dedicato serate affollatissime e apprezzatissime, il famoso “Palazzuolo Wine”: “Mi chiamavano il Pinchiorri del Mugello -sorride-. Quando portai il vino di qualità, qui c’era solo bianco e rosso senza grandi distinzioni…” E ripete: “Così mi dissero, questo arriva fino a Natale. E invece siamo sempre qua, grazie alla continua ricerca di piccoli produttori, magari sconosciuti ma rivelatisi grandi. E così oggi abbiamo una cantina con 7-800 etichette, sempre aggiornata con nuovi vini, e poi le birre artigianali e i distillati”.

Se chiediamo a Piromallo quali sono i punti di forza della sua “Bottega dei Portici”, non ha alcun dubbio: “Intanto una cucina basata su ingredienti di prima qualità, cucinati in modo semplice dalla nostra cuoca, Bianca Muresan: è la mia compagna, e siamo ben affiatati anche sul lavoro. Poi abbiamo uno staff qualificato, col supporto di mia figlia Francesca. E non dimentichiamoci dove siamo: operando nell’Appennino tosco-romagnolo, vendiamo tanta buona Toscana ai Romagnoli, ed anche la buona Romagna ai Toscani”.

I piatti della “Bottega” sono tutti molto richiesti: “Per la trippa, vengono anche da Firenze, poi l’anatra lo stinco, la tagliata, i prodotti di filiera Slow Food, formaggi e salumi. E’ dal 1995, e siamo stati i primi nella zona, ad essere tutti gli anni nella pubblicazione “Osterie d’Italia”.

©️ Il Filo – Idee e Notizie dal Mugello – 15 gennaio 2021

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *