BORGO SAN LORENZO – Sono le famose bignoline della Pasticceria Cesarino. Che ora vogliono anche essere bignoline portafortuna.
Si chiama infatti “Good Luck Mugello”, “Buona Fortuna Mugello” l’originale iniziativa della pasticceria Cesarino di Matteo e Tommaso Lucii. Che hanno iniziato a donare ai ristoranti della zona un vassoio della loro specialità.

“Caro Amico -scrivono nella lettera che accompagna l’omaggio-, ci fa piacere condividere con te questo momento di estrema difficoltà per tutto il settore della ristorazione. Crediamo da sempre che l’unione faccia la forza, in situazioni come questa ancora di più. E allora ci prendiamo un piccolo impegno: esserti vicino. Lo facciamo con questo piccolo omaggio di bignoline, la nostra specialità che ci tramandiamo da tre generazioni, sperando che possano essere un piacevole portafortuna per i tempi duri che ci attendono”.


“Abbiamo voluto -spiega Matteo Lucii- far sentire la nostra vicinanza, ai ristoratori e ai loro clienti. E sensibilizzare tutti riguardo a una delle categorie più colpite. Abbiamo infatti consegnato insieme alle bignoline una ventina di buoni per una colazione nella nostra pasticceria, da distribuire ai clienti che vengono a ritirare piatti da asporto o consegnati a domicilio. Perché anche loro possano condividere la nostra comune passione nel far le bene le cose nel mondo del cibo”.
E le bignoline della buona fortuna sono destinate ad aumentare: “”Abbiamo intenzione, quando sarà il momento -dice Lucii-, di estendere l’iniziativa anche ai negozi, da quelli più vicini alla nostra pasticceria a quelli più distanti”.
E la lettera della Pasticceria Cesarino così si conclude: “Siamo ripartiti il primo di Maggio. Perché le date sono importanti, e perché vogliamo rendere omaggio al nostro nonno Cesare, allo zio Renzo e al babbo Alberto, che ci hanno insegnato il senso del sacrificio e dell’impegno. Abbiamo deciso di ripartire con il sorriso, e con pensieri positivi. Perché vogliamo che sia chiaro che noi #nonsimollaunmetro”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *