MUGELLO – Immaginate una grande sala con tavoli rustici e sedie di legno, una madia della nonna con esposti piatti, bicchieri e qualche setaccio antico per le farine, un bancone di marmo elegante ma spartano, con barattoli pieni di cantucci e bottiglie di Chianti Classico. Sul menu del giorno Carpaccio di Manzo, Cibreo, Trippa alla Fiorentina e Crostoni di Cavolo nero.

Niente di insolito per qualunque trattoria di campagna Toscana, o ristorante rustico Fiorentino, ma qui siamo al 51 di Groove Street, al Ristorante “Via Carota”, nel West Village a New York, dove le case sono le eleganti palazzine a due piani che abbiamo imparato ad amare delle serie televisive.

Ci sono tanti ristoranti Italiani a New York, ma questo è talmente speciale che è stato citato dal New Yorker come “il più perfetto ristorante”: autrice di questo incredibile successo è una chef originaria di Barberino del Mugello, Rita Sodi, che con la sua socia in affari e nella vita Jody Williams, sta conquistando tutti i palati oltreoceano.

Rita, dopo gli studi artistici inizia a lavorare nel campo della moda e a viaggiare tra Australia e Stati Uniti. Trascorre anche un lungo periodo a New York, valutando che nessun ristorante della grande mela è in grado di proporre un’autentica cucina Toscana: decide dunque di provare lei stessa a creare questa proposta gastronomica. Nasce così nel 2008 “ I sodi” , dove inizia il successo di questa giovane Chef, consacrato poi nel 2014 con l’apertura di “Via Carota”.

Tradizione, stagionalità, ricerca delle materie prime e semplicità le chiavi vincenti di questa sfida, basti pensare che il piatto più osannato ( e fotografato! ) del ristorante è un’insalata: croccantissime foglie di lattuga, insalata riccia, crescione e indivia, condite con una leggera vinaigrette fatta con olio buono, Cherry e semi di senape.

La tradizione italiana, oltre che di succulenti pranzi e cene, è fatta anche di buone colazioni con brioche e cappuccino, e di cocktail da sorseggiare all’ora dell’aperitivo: le due chef hanno così aperto anche il locale “Pisellino”, proprio davanti a Via Carota, per completare la loro offerta e far vivere un’esperienza culinaria Italiana a 360° alla crescente affezionata clientela.

Dunque, se siete a new York e avete nostalgia della cucina di casa, questi sono alcuni indirizzi certi a cui rivolgersi, sia per un piatto di pasta fatto come si deve, o anche solo per stringere la mano alla Chef Sodi e congratularsi con lei per aver portato così in alto la gastronomia Toscana e il nome del Mugello.

Benedetta Carcasci
© Il Filo – Idee e Notizie dal Mugello – 2 marzo 2020

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *